Normative

Premessa

Questo sito è conforme alla vigente normativa sull’editoria (Legge 7 marzo 2001, n. 62 – Nuove norme sull’editoria e sui prodotti editoriali) e non costituisce un “prodotto editoriale“, come definito dall’articolo 1 della citata legge, essendo destinato “esclusivamente alla informazione aziendale sia ad uso interno sia presso il pubblico.” (cfr. articolo 1, comma 2, stessa legge) dei tassisti utenti di Taxiblu e dei clienti e fornitori di Taxiblu. In aderenza ai principi di correttezza a trasparenza, consapevoli che l’informazione preventiva è la base di un buon servizio, illustriamo qui di seguito le caratteristiche principali della nostra attività, sottolineando ciò che la distingue da attività simili o affini.

Una volta che il cliente ed il tassista hanno accettato, rispettivamente, di usufruire e di effettuare la corsa taxi, il servizio radiotaxi è sostanzialmente terminato, fatta salva l’assistenza comunque fornita da Taxiblu per rimediare ad eventuali inconvenienti (ritardo o impedimento definitivo del taxi per incidente, foratura o altro; corsa sostitutiva; assenza del cliente all’indirizzo indicato; rintraccio del cliente che ha lasciato sul taxi beni personali e altro ancora).

Da quel momento ha inizio il servizio taxi, del quale sono parti da un lato il cliente, che sale a bordo dell’autopubblica, dall’altro il tassista. Infatti, per legge il servizio di trasporto di persone e bagagli tramite taxi è di esclusiva competenza e responsabilità dei singoli tassisti, ciascuno titolare della rispettiva licenza, nonché proprietario o utilizzatore in leasing della propria autopubblica, tassisti con i quali i clienti, di volta in volta, concludono il contratto di trasporto. Ciò vale non solo quando il cliente chiama la centrale radiotaxi di Taxiblu, ma a maggior ragione quando il cliente sale su un taxi che staziona presso le apposite aree di parcheggio riservato, poiché in questa seconda ipotesi, la intermediazione di Taxiblu non si verifica neppure. Di conseguenza, Taxiblu non è vettore, né noleggiatore, né in proprio né tramite terzi; non è datore di lavoro, né committente dei tassisti propri utenti. In linea generale, Taxiblu non è responsabile per il comportamento tenuto dal tassista durante il suo turno di lavoro.

Ciò non significa, naturalmente, che Taxiblu si disinteressi della condotta dei propri aderenti, i quali devono attenersi ad un apposito Regolamento interno, la cui osservanza viene costantemente verificata da una Commissione Disciplinare, alla quale i clienti possono far pervenire reclami o segnalazioni. Oltre alla responsabilità contrattuale interna verso Taxiblu, nello svolgimento della sua attività professionale il tassista è sottoposto per legge ad una specifica responsabilità disciplinare, che si aggiunge alla responsabilità civile e penale di diritto comune. La legge affida il relativo potere al Comune che ha rilasciato la licenza taxi, non alle società radiotaxi.

A Milano l’organo investito di tale potestà disciplinare è l’Ufficio Autopubbliche, con sede in Via Messina n. 53 – 20154 Milano, al quale può rivolgersi chiunque abbia chiesto di effettuare ovvero effettuato una corsa, servendosi di un taxi di Milano, che sia utente o meno di una centrale radiotaxi.

Per entrare in contatto con i clienti il tassista ha due possibilità:

a)  può attendere la richiesta di prestazione del servizio, stazionando presso le apposite aree di parcheggio riservato[*];

b)  può aderire ad una centrale radiotaxi, pagare il canone di abbonamento ed ottenere in cambio il servizio radiotaxi, attività libera che consiste nella ricezione delle richieste di corse taxi e nel loro smistamento e assegnazione.

L’attività imprenditoriale fondamentale e caratteristica svolta da Taxiblu, in parte anche tramite questo sito Internet, mediante il software applicativo TAXIWEB, è per l’appunto il servizio radiotaxi, che di norma si articola nelle seguenti operazioni:

  • ricezione in Sala Radio, via telefono o modem, delle richieste di prestazione del servizio di trasporto persone e bagagli e mezzo taxi;
  • localizzazione dei taxi che in quel momento risultano in servizio, mediante sistema satellitare GPS (Global Positioning System);
  • individuazione del taxi libero, cioè con il tassametro spento, o che si trova nella condizione di presto libero, più vicino al luogo indicato dal cliente che ha chiamato;
  • assegnazione della chiamata al veicolo così selezionato;
  • comunicazione al cliente del rintraccio del taxi, del tempo di arrivo e del numero di licenza del tassista;
  • comunicazione al tassista dell’accettazione della corsa da parte del cliente, oppure del rifiuto di quest’ultimo.

Per usufruire di questo servizio, i tassisti aderenti a Taxiblu corrispondono un canone periodico, mentre per il cliente che chiama per avere una corsa taxi il servizio è essenzialmente gratuito.

Mediante il servizio radiotaxi, Taxiblu si pone quale intermediario qualificato fra la domanda, proveniente dalla clientela, e l’offerta, proveniente dai tassisti aderenti, di corse taxi.

 

[* ]in effetti, a Milano, e presumibilmente anche in altri Comuni, esiste una terza alternativa, la cosiddetta “richiesta diretta all’autopubblica in transito” (v. art. 26, quarto comma, Regolamento per il servizio pubblico delle autovetture da piazza (taxi), approvato dal Consiglio Comunale di Milano nella seduta del 17 luglio 2000, con deliberazione n. 66/2000); tuttavia, a ben vedere, si tratta di una variante della “richiesta diretta all’autopubblica in stazionamento”, e per tale ragione non la trattiamo separatamente da quest’ultima

c° TAXIBLU 2015 – Informazioni sul copyright
E’ vietata la riproduzione con qualsiasi mezzo, analogico o digitale, senza il preventivo consenso scritto di Taxiblu. E’ consentita la copia per uso esclusivamente privato e personale. Sono altresì consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica, recensione o rilevazione statistica purché accompagnate dal nome dell’autore del testo e dalla indicazione della fonte “TAXIBLU Società Cooperativa” compreso l’indirizzo telematico http://www. taxiblu.it. Sono consentiti i link da altri siti alla pagina principale (home page) o a singoli testi; Deve comunque essere sempre specificato che si tratta di un collegamento verso “Taxiblu”.