Milano, 11 Novembre 2022

Milano. Taxi. Comune “confuso”. POS già previsti da Legge e su nuove licenze…

«Se non fosse che la questione è tremendamente seria -commenta Emilio Boccalini, vice presidente di Taxiblu 02.4040, il più grande Radiotaxi di Milano- verrebbe quantomeno da rimanere perplessi leggendo che a Milano il consigliere comunale Mauro Orso, oltretutto esponente della lista dell’attuale Sindaco Sala, proponga mozioni per nuove licenze e per inserire nel regolamento comunale l’obbligo dei POS a bordo Taxi. Partendo da questo ultimo punto faccio presente che questo obbligo già esiste per Legge ed è previsto anche all’ interno dei regolamenti dei Radiotaxi. Oltretutto, quando una Legge in tal senso invece non esisteva ancora fummo noi come categoria a proporlo alla allora Giunta Pisapia, che tra l’altro non passò. Senza contare che secondo l’ultimo studio regionale effettuato con il metodo del “mistery client” risulta che il 98% dei Taxi lombardi è già dotato di POS. Tornando alla questione licenze anche qui emerge forse che vi sia un po’ di confusione in Comune e che forse il consigliere che ha proposto la mozione non sia aggiornato su quel che fa la Giunta. Non più tardi di qualche giorno fa infatti nell’ incontro avuto con l’assessora Censi, in raccordo anche col Sindaco immagino, abbiamo infatti fatto presente che non avendo ad oggi dati precisi e con lo spettro di una forte recessione serva tempo, almeno fino alla prossima primavera per sperimentare quanto prevede la Legge Bersani che è uno strumento adottato da molti Comuni, tranne quello di Milano. Oltretutto -conclude Boccalini- tengo a precisare che non mi sono mai permesso di dare dati sulla carenza di Taxi nei fine settimana o altro anche perché non abbiamo quei dati che spesso invece vengono forse forniti o elaborati da qualche multinazionale che nulla ha a che fare con il mondo Taxi».

Per informazioni ai giornalisti:
Emilio Boccalini
345 0914850
ufficiostampa@taxiblu.it

Condividi questo articolo: